CAMBIO DI STAGIONE: COME SUPPORTARE L’ORGANISMO
marzo 10, 2022 0 Comment

CAMBIO DI STAGIONE: COME SUPPORTARE L’ORGANISMO

Il cambio di stagione obbliga il nostro organismo ad adattarsi a condizioni che mutano in maniera decisa. Le abitudini e lo stile di vita si modificano perché l’ambiente circostante cambia e ci influenza. L’adattamento porta sempre ad uno sforzo energetico che il nostro corpo deve sostenere.

In particolare però la primavera rappresenta il momento di maggiore cambiamento per noi perché la stagione invernale è per natura un periodo di minore mobilita e di accumulo di tossine e sovraccarico energetico. In questa fase diventa chiave pulire e permettere il corretto funzionamento dei sistemi emuntoriali (fegato, rene, intestino, pelle e polmoni).
Per emuntore si intende un organo che ha la funzione di eliminare dall'interno dell'organismo i prodotti catabolici e di rifiuto.
In queste parti del nostro corpo si accumulano le tossine che si sono prodotte nella stagione invernale e la loro funzionalità gioca un ruolo chiave nel facilitare la pulizia dell’organismo e il suo adattamento alla nuova stagione.

L’IMPORTANZA DELLA DEPURAZIONE

Il fegato è l’organo emuntore per eccellenza perché ha il ruolo di attivare le sostanze che entrano nel nostro organismo e successivamente eliminarle.
Nel periodo invernale si accumulano molte tossine e prodotti di scarto metabolico perché normalmente ci si alimenta maggiormente a scapito dell’attività fisica.
Questo squilibrio energetico viene acuito dal livello più alto di inquinamento che è conseguenza delle temperature più basse e quindi del maggior rilascio di fumi legati al riscaldamento e non solo. Tutto questo produce un sovraccarico epatico che deve essere ridotto attraverso specifici vegetali definiti depurativi.

Una pianta ad azione depurativa agisce: proteggendo le cellule del fegato dallo stress ossidativo (in modo da consentirne la corretta funzionalità) e stimolando la produzione biliare (la bile serve per eliminare nell’intestino i prodotti di scarto) grazie all’azione colagoga e coleretica.

COSA SI INTENDE PER ALCALINIZZAZIONE

Strettamente correlata con l’accumulo tossinico si manifesta nel nostro organismo una condizione di acidosi organica.
Da un punto di vista biologico l’acidosi si definisce come condizione cellulare in cui il pH della cellula risulta essere più basso del valore normale.
Il pH di una cellula sana dovrebbe oscillare tra 7.35 e 7.45.
Quando i valori si abbassano le cellule iniziano a trovarsi in un ambiente ostile, ovvero non adatto alla loro omeostasi.
Questo porta le cellule a funzionare in maniera non più ottimale e, se il pH non viene corretto, si può andare incontro ad alterazioni funzionali dei vari organi.
L’abbassamento del pH verso valori più acidi dipende esclusivamente dall’accumulo di ioni H+ nelle cellule.

Per contrastare questo fenomeno è necessario alcalinizzare, ovvero introdurre alimenti altamente ricchi di ioni OH-, capaci di legarsi agli ioni acidi e formare così acqua.
Nella stagione invernale la tendenza acidosica è più marcata, ecco perché nel cambio di stagione verso la primavera diventa fondamentale alcalinizzare.

IL RUOLO DEI VEGETALI A FOGLIA VERDE

Le verdure a foglia verde sono fondamentali nei cambi di stagione perché presentano azioni depurative e alcalinizzanti.
Infatti questi vegetali sono naturalmente ricchi di ioni OH-, che abbiamo già visto essere fondamentali per inattivare gli ioni acidi e contrastare fenomeni acidosici.
La forza di queste piante è però anche la capacità di attivare i meccanismi di depurazione epatica, che favoriscono l’eliminazione delle tossine e la corretta funzionalità del fegato. Piante come Cavolo, Broccolo, Crescione, Tarassaco, Ortica, Spinacio e Indivia devono essere prime scelte nei processi di detossificazione che accompagnano i cambi di stagione come quello che stiamo per affrontare.

Interessante osservare che sono vegetali che normalmente crescono in inverno, come se la natura ci desse gli strumenti per supportare l’organismo in questa stagione.
Queste piante sono inoltre ricche di minerali che agiscono stimolando la diuresi e quindi attivando il rene (organo emuntore), e sono ricche di prebiotici, che agiscono a livello intestinale migliorando la flora batterica e aumentando la massa fecale.
Come già detto in precedenza, anche l’intestino è uno dei principali organi emuntori.

PERCHÈ SCEGLIERE GREEN PH ALKALINE

Green PH Alkaline è il prodotto di Terranova più indicato nel cambio di stagione.
La sua composizione, formata da piante a foglia verde ad alto potere alcalinizzante, agisce in maniera specifica stimolando i principali organi emuntori e favorendo un corretto adattamento dell’organismo alla nuova stagione.
La formulazione contiene: Cavolo foglie, Ortica foglie, Spinacio foglie, Prezzemolo foglie, Indivia foglie, Tarassaco foglie, Crescione foglie, Succo di erba di Grano, Broccolo germogli e Sedano foglie.
Come ogni vegetale di Terranova, anche in Green PH Alkaline le piante sono tutte liofilizzate, in maniera da conservare in toto il fitocomplesso e le proprietà nutritive.
✅L’azione di questa miscela naturale è multifattoriale ovvero agisce come depurativo, detossificante, alcalinizzante e drenante.
✅Il mix di vegetali liofilizzati risulta essere quello più idoneo per supportare l’organismo nei cambi di stagione.

L’integratore si presenta in polvere da sciogliere in acqua o in qualsiasi altra bevanda.
Il momento più indicato per assumerlo è alla sera, perché in questa fase della giornata fisiologicamente tendiamo ad essere meno acidi.
Il periodo di utilizzo deve essere di almeno 30 giorni.

(Dott. Eugenio D'Amico)